MENU
520

Luisa Irene Costa della Trinità

Luisa Irene Costa della TrinitàLuisa Irene Costa della Trinità

Nel 1849 Cesare Alfieri, scrivendo all’amico Giorgio Briano della morte della moglie, così gli diceva: “Sola consolazione è quella di essere e di rimanere inconsolabile”.

Questa nobildonna, nata nel 1802 e morta prematuramente a soli trentasette anni, fu per il marito, per la sua famiglia e per quanti la conobbero un modello di vita operosa e caritatevole.

Sempre dedita al prossimo, si adoperò con sollecitudine materna all’istituzione di un’associazione parrocchiale, a cui aggiunse anche un’infermeria ed un ricovero femminile.

Il figlio Carlo ne ricordava, con orgoglio e commozione, alcune frasi: “L’essermi trovata in possesso d’un avere superiore ai miei bisogni fu sempre per me motivo di temere di non averne fatto buon uso, epperò desidero che per supplire a quello che posso aver ommesso in vita, i miei eredi facciano le mie veci".

Ultimo aggiornamento

14.12.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni