Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
  • OneSearch
  • Servizi on-line

INDICE DEI DOCUMENTI (ordine alfabetico)

Orari e modalità d'accesso alle biblioteche. Leggi di più

#IoRestoaCasa: servizi e risorse utilizzabili a distanza

Luisa Irene Costa della Trinitą

Luisa Irene Costa della TrinitàLuisa Irene Costa della Trinità

Nel 1849 Cesare Alfieri, scrivendo all’amico Giorgio Briano della morte della moglie, così gli diceva: “Sola consolazione è quella di essere e di rimanere inconsolabile” [1].    

Questa nobildonna, nata nel 1802 e morta prematuramente a soli trentasette anni, fu per il marito, per la sua famiglia e per quanti la conobbero un modello di vita operosa e caritatevole.

Sempre dedita al prossimo, si adoperò con sollecitudine materna all’istituzione di un’associazione parrocchiale, a cui aggiunse anche un’infermeria ed un ricovero femminile.

Il figlio Carlo ne ricordava, con orgoglio e commozione, alcune frasi: “L’essermi trovata in possesso d’un avere superiore ai miei bisogni fu sempre per me motivo di temere di non averne fatto buon uso, epperò desidero che per supplire a quello che posso aver ommesso in vita, i miei eredi facciano le mie veci". [2]



[1] G. Briano, Il marchese Cesare Alfieri di Sostegno, in Rivista Universale (1869)

[2] Archivio di San Martino-Alfieri, Ricordi di famiglia

 
ultimo aggiornamento: 19-Gen-2015
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina