MENU
520

Sulla parentela fra l'uomo e le scimie lettura del dott. Alessandro Herzen fatta a Firenze nel Reale Museo di storia naturale, il 21 marzo 1869

frontespizio di Sulla parentela fra l'uomo e le scimieEstratto in formato PDF formato PDF
(clicca sull'immagine)

Pagine riprodotte: fascicolo completo

 

  • Autore: Alessandro Herzen
  • Pubblicazione: Firenze : A. Bettini, 1869. 2. ed. coll'articolo del sen. Lambruschini ; e la risposta del dott. Herzen
  • Descrizione fisica: 36 p. ; 22 cm
  • questo libro in OneSearch
  • testo online in Google Books

Il 21 marzo 1869, il fisiologo russo Aleksandr Herzen tenne a Firenze presso il Museo di storia naturale della Specola una conferenza popolare dal titolo inequivocabile: Sulla parentela fra l'uomo e le scimie. In quell’occasione furono discusse le prove anatomiche a favore della discendenza comune fra l'uomo e le grandi scimmie, pur con l’evidenziazione delle dovute differenze. Herzen cercò di sostenere la legittimità che poteva avere una concezione naturalistica dell'etica: non vi è degradazione morale nell'ammettere le proprie umili origini animali, ma al contrario l'orgoglio di essere arrivati, da soli, a significative vette intellettuali. La reazione contro lo «sconcio» scenario evoluzionistico manifestata da parte del senatore e abate Raffaello Lambruschini non si farà attendere: la scienza non può negare la teologia. Ne nascerà una polemica accesa, cui parteciperà prontamente anche il filologo Niccolò Tommaseo nel libello L'uomo e la scimmia, dove con feroce retorica antidarwiniana Herzen sarà definito «Mosè delle scimmie» e i praticanti della «scienza fetente» dell'evoluzionismo saranno bollati come «bestie».

Difficile, tuttavia, far recedere dalle proprie posizioni una comunità scientifica italiana sempre più proiettata ad accogliere i nuovi principi professati dai colleghi europei. Pochi mesi dopo tale dibattito  viene fondato proprio a Firenze il primo Museo antropologico ed è istituita la prima cattedra di antropologia, tenuta da Paolo Mantegazza, il quale tenne ad intendere la nuova disciplina come una «storia naturale dell'uomo» interpretata in chiave darwiniana.

Ultimo aggiornamento

13.12.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni