Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
  • OneSearch
  • Servizi on-line

Iura Propria: gli statuti a stampa (1475-1799) della Biblioteca di Scienze sociali

Nel Medioevo in buona parte dell'Europa occidentale le diverse comunità definirono i propri ordinamenti: ecco il diritto 'proprio', lo statuto, valido all'interno di ogni singolo contesto, che si contrapponeva allo ius commune, in vigore dappertutto, costituito dal Corpus iuris civilis dell'imperatore Giustiniano, riscoperto e riportato in vita da glossatori e commentatori.

Questi testi normativi, elaborati da città, terre, castelli, corporazioni, confraternite e da molte altre istituzioni, nacquero per essere diffusi attraverso la pubblica lettura o la consultazione di un testo manoscritto; ma dalla seconda metà del Quattrocento profittarono anche della mirabile invenzione della stampa, per ragioni diverse, di cui si dà conto nell'A chi legge.

La Biblioteca di Scienze sociali possiede una ricca raccolta di statuti e consuetudini in edizione antica, che vengono brevemente descritti e illustrati da immagini, con schede indicizzate per luogo, tipo di istituzione, titolo, area geografica, con possibilità di fare ricerca per parola.

Fonti

Iura propria: gli statuti in edizione antica 1475-1799 della Biblioteca di giurisprudenza dell'Università di Firenze, di Federigo Bambi e Lucilla Conigliello, Firenze, Centro didattivo televisivo, 1999 (CD-Rom);
Gli statuti in edizione antica (1475-1799) della Biblioteca di giurisprudenza dell'Università di Firenze: catalogo per uno studio dei testi di ius proprium pubblicati a stampa, a cura di Federigo Bambi e Lucilla Conigliello, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 2003.
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina