Fondo Cerrito

Presentazione generale

Il Fondo è composto da documenti sulla storia del movimento operaio e anarchico internazionale, prevalentemente in lingua italiana.

Parte integrante del fondo è l'Archivio Cerrito, di grande rilievo per gli studi di storia sociale e dei movimenti politici italiani e stranieri (relazione sull'archivio a cura della Prof.ssa Dadà).

Vitalità del Fondo

Fondo chiuso
Per l'indice di circolazione del fondo vd. Dati e statistiche.

Consistenza e tipi di materiali

Fondo composto da 1612 monografie e 409 opuscoli per un totale di 2021 inventari.

Localizzazione e accessibilità

Fondo situato in magazzino.
Il prestito non è consentito (dal gennaio 2012).

Leggi tutto

Situazione catalografica

Il Fondo è presente in parte nel catalogo in linea di Ateneo. Una parte documentaria non è stata trattata, compreso l'archivio del donatore.

Ordinamento e collocazione 

I volumi sono contraddistinti dalla sigla CERRI, con due sequenze numeriche di collocazione: 1 per le monografie e 2 per gli opuscoli (monografie fino a 100 pagine).

 

FONDO

FORMATO

CATEGORIA

CONSISTENZA

(inventari)

CERRI

1

monografie

1612

CERRI

2

opuscoli

409

Data e modi di acquisizione

Fondo acquisito per lascito dalla Biblioteca di scienze politiche nel 1990 e confluito nella Biblioteca di Scienze sociali.

Notizie su possessore o possessori

Biagio Cerrito, detto Gino, docente universitario, è stato uno dei maggiori studiosi della storia dell'anarchismo, delle origini del movimento operaio e socialista in Italia. Nacque a Messina l'11 febbraio 1922. Si laureò nel 1951 con una tesi, pubblicata col titolo Radicalismo e socialismo in Sicilia (1860-1882), che rappresenta tuttora un contributo fondamentale agli studi sull'argomento.

Dal 1952 fu assistente di Spini alla cattedra di Storia moderna della Facoltà di Magistero dell'Università di Messina; nel 1959 tenne l'insegnamento di Storia dei trattati nella Facoltà di Scienze politiche della stessa città e, dal 1962 quello di Storia moderna nella medesima Facoltà.

Nel 1965 si trasferì a Firenze, presso la cui Università ottenne l'incarico di Storia contemporanea nella Facoltà di Magistero. Nel 1969 divenne professore aggregato e quindi ordinario di Storia contemporanea al Magistero fiorentino. Presenza importante nella cultura politica italiana, militò attivamente nella FAI, Federazione anarchica italiana, contribuendo in modo rilevante al rinnovamento del movimento anarchico. Morì il 4 settembre 1982.

 

Bibliografia

Dizionario biografico degli anarchici italiani, Pisa, BFS, 2003

G. Spini, Ricordo di Gino Cerrito, in G. Cerrito, I fasci dei lavoratori nella provincia di Messina, Ragusa, SICILIA PUNTO L, 1989.

Storia del Fondo

Si tratta della biblioteca personale del Prof. Gino Cerrito.

Note

Nessuna

Mostre e altre attività di valorizzazione riguardanti il Fondo

Nessuna.

Bibliografia e documentazione

Catalogo dei fondi speciali [dell'Università di Firenze], Firenze: Poligrafico fiorentino, 1998, pubblicato in occasione delle iniziative Univercity 1998, p. 62.

Relazione sul Fondo archivistico del Prof. Gino Cerrito di Adriana Dadà

Compilatori della scheda

Giovanna Cestone

Sala fondi storici e collezioni speciali

Tel.: 055/2759864

Mail giovanna.cestoneATunifi.it

 

Marianovella Fama

Ufficio catalogazione B

Tel. 055/2759861

Mail marianovella.famaATunifi.it

 

Area ad accesso riservato ai bibliotecari

 
ultimo aggiornamento: 18-Feb-2016
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina