Fondo Frezza

Presentazione generale

Il fondo comprende materiale di diritto romano, storia del diritto romano, antichistica, prevalentemente in lingua italiana.

Vitalità del Fondo

Fondo chiuso. 

Per l'indice di circolazione del fondo vd. Dati e statistiche.

Consistenza e tipi di materiali

Fondo composto da 1.451 monografie, 4.744 opuscoli e 31 titoli di riviste, e che conta complessivamente 6550 inventari.

Localizzazione e accessibilità

Fondo a scaffale aperto situato al secondo piano del ballatoio lato sud.
E' consentito il prestito per le monografie ma non per le riviste.

Leggi tutto

Situazione catalografica

Il fondo è interamente presente nel catalogo in linea d'Ateneo

Ordinamento e collocazione

I volumi sono contraddistinti dalla sigla FREZZ, con tre sequenze numeriche di collocazione 1 per le monografie, 2 per gli opuscoli e 3 per le riviste.

 

Formato

Categoria

Consistenza

1

monografie

1.744

2

opuscoli

4.763

3

riviste

44

Data e modi di acquisizione

Fondo donato dagli eredi alla Biblioteca di giurisprudenza nel 1996 (Comitato della Biblioteca di giurisprudenza, 1.03.1996).

Notizie su possessore o possessori

Paolo Frezza nasce a Roccasecca (provincia di Frosinone) il 21 aprile 1906.

Nel 1927 (seguendo la tradizione di famiglia) si laurea in giurisprudenza a Pisa. Subito dopo si diploma alla Scuola di diritto romano dell'Università di Roma. Diventa professore di Diritto Romano prima a Catania e poi a Pisa.

Durante gli anni della guerra si rifugia a Roccasecca da dove però deve fuggire cacciato dai tedeschi. Costretto a rifugiarsi a Roma, riesce a circolare liberamente, grazie al lasciapassare rilasciato dalla Santa Sede, come suo dipendente in quanto recensore degli Studia.

Dopo la guerra la famiglia Frezza si trasferisce a Firenze e il professore riprende la sua attività di docente presso l'Università di Pisa per 27 anni.

All'inizio degli anni '60 è chiamato come professore all'Università di Firenze.

Muore l'11 gennaio del 1996.

I suoi numerosi scritti si sono rivolti soprattutto alla storia del diritto pubblico di Roma antica, dalla pubblicazione della tesi di laurea nel 1932 actio communi dividundo, al Corso di storia del diritto romano, uscito nel 1954, fino all'indagine su fides e bona fides del 1991.

 

Biliografia

Francesco Amarelli, Un romanista del Novecento inquieto testimone del suo tempo, in Scritti I, Romae: Pontificia universitas lateranensis, Mursia, 2000, p. XIV-XXII.

Emilio Germino, Ricordando Paolo Frezza, in Scritti I, Romae: Pontificia universitas lateranensis, Mursia, 2000, p. XXIII-XXVII.

Storia del Fondo

Del nucleo originario della biblioteca di Frezza, una parte è stata donata alla ex Biblioteca di giurisprudenza, ed è stata recuperata in SBN, sia per l'accessionamento che per la catalogazione, dopo il 2002.

Un'altra parte dei volumi è stata donata alla Biblioteca del collegio di Montecassino, dove Frezza era entrato all'età di sette anni.

Nei volumi del fondo librario sono stati rinvenuti dei materiali (appunti manoscritti in diverse lingue, articoli fotocopiati, cartoline, biglietti da visita, etc.), che sono stati riordinati e inventariati nel fondo archivistico Paolo Frezza, all’interno del portale dei fondi archivistici dell’Università di Firenze Chartae.

Note

Tra le miscellanee del Fondo Frezza ve ne sono alcune che riportano la dedica degli autori: i titoli delle miscellanee e i nomi degli autori sono stati raccolti in un file.

Nel ricordo che Daria Frezza (figlia di Paolo Frezza) dedica alla nonna Sophie Carpenter e agli anni dell’occupazione tedesca dell’Italia, che la famiglia Frezza trascorse a Roccasecca, è presente anche la descrizione della biblioteca della nonna e di quella paterna e il racconto del tentativo di suo padre di mettere in salvo i libri di famiglia: “Prima che fosse troppo tardi mio padre aveva deciso di dividere la biblioteca facendone due lotti che, con l’aiuto di Sergio, aveva nascosto in due luoghi separati: in un nascondiglio a colle S. Magno e in una botola vicino al Convento dei frati della vicina Chiesa di S. Francesco. Il caso, che soprattutto in queste circostanze gioca un ruolo importante, aveva voluto che fosse quest’ultimo lotto quello destinato a salvarsi, contrariamente alle previsioni.” Da “Un’americana a Roccasecca”, sul sito “Dal Volturno a Cassino” che raccoglie e divulga le informazioni relative alla battaglia per Cassino e gli eventi meno noti ad essa correlati.

Mostre e altre attività di valorizzazione riguardanti il Fondo

Nessuna.

Bibliografia e documentazione

Catalogo dei fondi speciali [dell'Università di Firenze], Firenze: Poligrafico fiorentino, 1998, pubblicato in occasione delle iniziative Univercity 1998, p. 38.

Compilatori della scheda

Daniela Francini

Ufficio catalogazione

Tel. 055/2759858

Mail daniela.franciniATunifi.it

 

Francesca Zinanni

Ufficio catalogazione

Tel. 055/2759831

Mail francesca.zinanniATunifi.it

 

Area ad accesso riservato ai bibliotecari

 
ultimo aggiornamento: 18-Feb-2016
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina