Prove di fatto intorno al posto che tiene l'uomo nella natura

Prove di fatto intorno al posto che tiene l'uomo nella naturaEstratto in formato PDF formato PDF
(clicca sull'immagine)

Pagine riprodotte: 2, 10-17, 40-41, 48-49,
72-73, 78-79, 120-121, 132-133,
148-149, 154-155, 180-181, 202-203

 

  • Autore: Thomas Henry Huxley ; traduzione dall'inglese del prof. Pietro Marchi
  • Pubblicazione: Milano : Treves, 1869
  • Descrizione fisica: IX + 502 p. , 21 cm
  • questo libro in OneSearch

La traduzione dell’opera di Huxley si deve a Pietro Marchi, naturalista fiorentino, convinto sostenitore dell´ipotesi evolutiva di Charles Darwin (1809-1882) e impegnato nella divulgazione del verbo darwiniano. Marchi coprì la cattedra di zoologia all´Istituto di Studi Superiori di Firenze fino al 1907 e riunì una preziosa collezione di invertebrati in vetro, oggi conservati dalla Fondazione Scienza e Tecnica di Firenze, grazie ad una serie di acquisti fatti presso un commerciante di materiali scientifici per conto dell´Istituto Tecnico di Firenze.

Riguardo all’opera di Huxley, avviene talvolta che un´opera fondamentale per la diffusione e il successo di un´idea scientifica sia nota più per il suo titolo che per il suo contenuto. Tuttavia l’opera è frequentemente citata anche perché essa, insieme al testo di Charles Lyell The Geological Evidences of the Antiquity of Man, rappresentò nel 1863 la prima coraggiosa applicazione all´uomo dell´idea di evoluzione. Il suo titolo fu anche spesso riutilizzato per opere di altri autori, da Il posto dell´uomo nella natura di Giuseppe Sergi (1929) a La place de l´homme dans la nature di Pierre Teilhard de Chardin (1956-63, postumo). Si tratta di un titolo fortunato, tuttora denso di significati perché, come scrive lo stesso Huxley all´inizio del secondo capitolo, «la questione delle questioni per il genere umano, il problema che sta sopra a tutti i problemi [...] consiste nella indicazione precisa della posizione che l´uomo occupa in natura, e dei suoi rapporti coll´insieme delle cose create».

Il messaggio principale del libro di Huxley consiste nella decisa affermazione dell´animalità dell´uomo e nel suo inserimento in un sistema naturale, seguendo una via tracciata da Carlo Linneo sin dal 1735 con la classificazione dell´uomo nello stesso ordine zoologico (Anthropomorpha, in seguito Primates) che comprende anche le scimmie. Huxley indica anche le due vie che da allora saranno seguite dalla ricerca tesa a chiarire la posizione zoologica e le vicende filogenetiche della nostra specie zoologica: lo studio comparativo con gli animali a noi più affini, cioè le scimmie antropomorfe, e la ricerca di resti fossili dei nostri antenati.

Illustrazioni tratte dal testo

 
ultimo aggiornamento: 10-Ott-2017
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina