INDICE DEI DOCUMENTI (ordine alfabetico)

Statuto della societą fondatrice della Scuola di scienze sociali

Statuto Statuto
25 maggio 1873

Lo Statuto che il 30 aprile 1875 Carlo Alfieri presentò al principe Umberto era molto simile a quello redatto due anni prima dal Comitato promotore della "Società per la formazione e pel mantenimento di una Scuola di Scienze Sociali".

Quest'ultimo, infatti, espressione per lo più del pensiero politico dell'Alfieri stesso, anticipava tutti i temi che la versione del 1875 avrebbe trattato.

La sua redazione fu curata da Odoardo Luchini, Luigi Laffrichi, Carlo Francesco Gabba e Massimiliano Giarrè, i quali ebbero come unico modello a cui ispirarsi, data la novità assoluta che la Scuola costituiva nel panorama educativo italiano, ‘l"Ecole libre des Sciences Politiques" sorta a Parigi due anni prima.

L'articolo 3, dopo il primo che denomina ufficialmente la Scuola e il secondo che ne stabilisce la sede a Firenze,  riassume da solo "tutti i sogni, ed anche le illusioni dei promotori" [1].

"E' scopo della Società - si legge - l'istruzione e l'educazione necessaria:

  1. ai giovani che per la loro condizione sociale e per le attitudini loro possono essere chiamati a partecipare alla vita pubblica;
  2. a coloro che vogliono rendersi atti a' pubblici impieghi
  3. a coloro che senza aver bisogno di un diploma per esercitare una speciale professione vogliono educarsi nelle scienze sociali".


[1] G.Spadolini, Il "Cesare Alfieri nella storia d'Italia", Firenze, Le Monnier, 1975, p. 43

 
ultimo aggiornamento: 19-Gen-2015
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina