INDICE DELLA MOSTRA (ordine cronologico)

Home page > Eventi e mostre > Mostre virtuali > Gli scienziati italiani fra Risorgimento e Unità > Congresso straordinario degli scienziati italiani convocati in Firenze nell'autunno del 1861

Congresso straordinario degli scienziati italiani convocati in Firenze nell'autunno del 1861

Congresso straordinario degli scienziati italiani 1861Documentoin formato PDF formato PDF
(clicca sull'immagine)

Riproduzione integrale

 

  • Pubblicazione: Firenze : Dalla Tipografia Galileiana di M. Cellini e C., 1861
  • Descrizione fisica: 27 p. ; 29 cm.
  • questo libro in OneSearch

Si tratta della convocazione da parte della Reale Accademia economico-agraria dei Georgofili di Firenze, a firma del Presidente Cosimo Ridolfi, datata 21 luglio 1861 e inserita nell'incipit della pubblicazione medesima, con il titolo: Convocazione di uno straordinario Congresso scientifico in Firenze nel 1861, all'effetto di rivedere i relativi Regolamenti.

Il Congresso fu convocato appunto a scopi organizzativi e normativi. Colpisce tuttavia l'orgoglio con cui Ridolfi rivendica il ruolo propulsivo che gli scienziati italiani seppero assumere negli anni cruciali del Risorgimento: "L'Italia quando altro non era nell'ordine politico che un aggregato di Stati mancipi e divisi, già aveva conseguita la sua unità nell'ordine intellettuale, mercè de' Congressi Scientifici ... non vi ha chi non ponga in dubbio la proficuità degl'influssi esercitati dalle personali comunanze e dalle intellettuali lucubrazioni di tali assemblee sul preordinamento di quella nazionale ricostituzione che è ormai prossima a diventare compiuta".

In questo senso risulta quanto mai efficace la conclusione del Saluto di Ridolfi ai partecipanti, quando ripropone le sue stesse parole pronunciate al Congresso fiorentino del 1841: "non esistevano più né mari né monti, poiché l'industria compagna d'un generoso pensiero, cancellò quegli ostacoli, fece dei varj popoli una sola famiglia, e in questo numero, l'Italia che per geografica forma e per antiche memorie aveva difficoltà da vincere maggiori d'ogni altra terra, pur le aveva vinte e ne godeva". Oggi ripeterò quelle stesse parole che son fatte a mille doppi più opportune, benedicendo la Provvidenza che mi ha serbato a vederle compitamente avverate in modo maraviglioso per la virtù del braccio, per la concordia degli animi, pel senno civile di un popolo non minore a quanti più illustri rammemora e commenda la Storia".

Documenti correlati

Annotazione dal libro degli inventari della Biblioteca di Scienze - sezione di Fisica

Miscellanee di Chimica Fisica e Scienze

Documento in formato PDF formato PDF
(clicca sull'immagine)

Riproduzione  della annotazione manoscritta, nel registro della Biblioteca di Fisica, dei Manoscritti autografi dei Congressi degli Scienziati italiani  1848 - 1861 - 1862

 
ultimo aggiornamento: 04-Ott-2017
Home Unifi Home SBA

Inizio pagina